Inaugurato il Centro Aggregativo Giovanile Young Lab a Brancaccio. Qui i giovani vivranno scambi esperenziali nell'ambito dei programmi europei per la gioventù


centro padre nostro 546
Torre Pollastra a Brancaccio, sede del Centro Aggregativo Giovanile Young Lab
Torre Pollastra a Brancaccio, sede del Centro Aggregativo Giovanile Young Lab

Venerdì 22 settembre 2023. A pochi metri dalla propria sede, precisamente al civico 168 di via Brancaccio, Il Centro di Accoglienza Padre Nostro inaugura il Centro Aggregativo Giovanile "Young Lab"Torre Pollastra, un edificio risalente al 1600, alla fine dei lavori di ristrutturazione previsti per il mese di dicembre diverrà un laboratorio di nuove idee, di progetti e di speranze per il futuro giovanile. I ragazzi di Brancaccio insieme a quelli provenienti dall'Italia, dall'Europa e dal Mediterraneo potranno sviluppare e concretizzare i propri spunti propositivi mettendo a confronto esperienze e realtà culturali da cui provengono. Presto, quindi, vedremo una sede ben definita: quattro posti letto, una cucina e le postazioni informatiche degne di una sede di coworking. Al progetto di realizzazione contribuiranno alcune partnership che hanno sposato il progetto, offrendo la propria collaborazione nell'allestimento e definizione della struttura.

«Sarà un centro di dialogo - spiega Maurizio Artale, presidente del Centro di Accoglienza Padre Nostro - in cui i giovani di Brancaccio si confronteranno con altri giovani su tematiche attuali, affiancati da tutor che li accompagneranno in percorsi educativi e formativi. I nostri giovani hanno già vissuto esperienze importanti come quelle maturate nei gemellaggi organizzati dalla Fondazione Giovanni Paolo II, che riunisce un Consiglio di giovani dell'area del Mediterraneo, e dei campi scuola che il Centro Padre Nostro ha organizzato in Svizzera, in cui erano presenti giovani moldavi, ucraini, russi e bielorussi. Il confronto su tematiche che a volte riguardano più da vicino il vissuto degli uni, più "lontano" dal vissuto degli altri e viceversa, può aiutare a costruire percorsi di pace e l'integrazione tra i popoli».

Per costruire i percorsi educativi e formativi, anticipati da quelli informativi, il Centro si avvarrà della collaborazione dell'Agenzia Italiana per la Gioventù, Ente governativo che gestisce in Italia i programmi europei per la gioventù. In questa giornata inaugurale è venuta a portare i saluti del Commissario straordinario dell'Agenzia Federica Celestini Campanari la dirigente Dott.ssa Serena Angioli, che ha ribadito:

«l'Agenzia Italiana per la Gioventù promuove percorsi che aiutano i giovani a crescere e a fare esperienze di volontariato, anche in altri Paesi, nel rispetto dei valori della solidarietà tra i popoli, la pace, il lavoro, la crescita e le pari opportunità. Queste esperienze di cittadinanza europea, che i giovani potranno scegliere volontariamente, li porteranno a imparare una nuova lingua nell'ambito del proprio servizio o attività, scoprire altri interessi per la propria crescita, per esempio nel mondo del lavoro e nell'orientamento agli studi».

Per suggellare questa collaborazione, Maurizio Artale ha voluto definire questo nuovo progetto come "un luogo di scambio in cui il Centro Padre Nostro ha creato il corpo e l'Agenzia Italiana per la Gioventù ci aiuterà a creare lo spirito, l'anima".

Ogni anno, nella ricorrenza dell'anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi, il Centro di Accoglienza Padre Nostro si prefigge l'obiettivo di realizzare un progetto che rappresenti un'azione concreta nel nome del Beato Giuseppe Puglisi. In questo Trentennale il Centro Aggregativo Giovanile "Young Lab" sancisce un ulteriore passo avanti nella crescita del quartiere Brancaccio.

Foto con i giovani del Centro di Accoglienza Padre Nostro

Foto con i giovani del Centro di Accoglienza Padre Nostro


Commenta questo articolo

Tutti i campi sono obbligatori.